Ponte sullo stretto: CGIL, bene l'Europa. Nessun contributo per un'opera non prioritaria

19/10/2011

“Sulle grandi reti infrastrutturali gli orientamenti espressi oggi dall’Unione Europea sono sensati e condivisibili. In particolare nell’assegnare al Ponte sullo Stretto di Messina un ruolo non fondamentale e comunque non prioritario, tanto che sarà escluso dal contributo comunitario”. Lo afferma Fabrizio Solari, Segretario Confederale della CGIL con delega alle infrastrutture e alle reti.

“Continua così – spiega il dirigente della CGIL - l’azione di surroga da parte dell’Unione che esalta l’evidente incapacità del Governo a svolgere il proprio ruolo. Anziché arrampicarsi sugli specchi per dimostrare l’impossibile, cioè che le scelte annunciate da Bruxelles coincidono con le priorità assunte dal nostro Governo, sarebbe utile – conclude Solari - tentare di limitare il danno già prodotto con la leggenda del ponte sullo stretto facendo confluire tutte le risorse disponibili per far decollare rapidamente le opere realmente utili”.


Classificazione:
[Infrastrutture] 


«luglio 2018»
»lumamegivesado
>2526272829301
>2345678
>9101112131415
>16171819202122
>23242526272829
>303112345
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy