Thyssen: CGIL, no a spacchettamento Terni, garantire integrità

10/10/2012 Governo faccia chiarezza su accordo governi tedesco e finlandese

“Bisogna salvaguardare l'integrità e impedire lo spacchettamento di uno stabilimento di assoluta eccellenza e di cui il sistema economico e industriale non può assolutamente fare a meno”. E' quanto afferma il segretario confederale della CGIL, Elena Lattuada, in merito allo stabilimento Thyssen di Terni dopo la nota diffusa oggi da Outokumpu che annuncia la cessione dell'impianto per rispettare le condizioni poste dall'Antitrust europeo.

La dirigente sindacale ribadisce che “la necessità di garantire l'integrità del sito produttivo passa anche dal fatto che l'eventuale collocazione sul mercato deve trovare acquirenti di caratura internazionale. Su questo il governo, oltre a chiarire quanto è accaduto tra governi europei in merito ad accordi e scambi non trasparenti tra quello finlandese e quello tedesco, deve essere impegnato per la salvaguardia dell'eccellenza ternana”.

Inoltre, prosegue, “le assemblee con sciopero di oggi, pienamente riuscite e in attesa della protesta in programma giovedì, sono il segno evidente della compattezza dei lavoratori, e di una intera comunità locale e regionale al loro fianco, per respingere le ipotesi di spacchettamento del sito e per salvaguardare la sua caratura mondiale. Il governo - conclude Lattuada - deve adesso impegnarsi ai massimi livelli per individuare in tempi rapidi e certi una soluzione produttiva all'altezza dell'eccellenza rappresentata dalle acciaierie ternane”.


Classificazione:
[Artigianato] 


«dicembre 2017»
»lumamegivesado
>27282930123
>45678910
>11121314151617
>18192021222324
>25262728293031
>1234567
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy