Titolo V: CGIL, introdurre meccanicanismi di codeterminazione tra livelli istituzionali

11/10/2012

Il Consiglio dei Ministri ha licenziato un disegno di legge costituzionale che, se approvato dal Parlamento, modificherà alcuni articoli del Titolo V della Costituzione, in particolare l'articolo 117 che disciplina la potestà legislativa di Stato e Regioni.

"Serve considerare materia di competenza statale, e non concorrente, la tutela e la sicurezza del lavoro, insieme alla previdenza complementare e integrativa”. E' quanto afferma il segretario confederale della CGIL, Danilo Barbi, in merito alla proposta del governo di riforma del titolo V della Costituzione.

E' una necessità, ricorda il dirigente sindacale, “che aveva già espresso all'indomani della prima modifica e che oggi, a una prima lettura, riconfermiamo; così come va ribadita la necessità di introdurre meccanismi che consentano una fattiva cooperazione e codeterminazione tra i vari livelli istituzionali: unico modo per garantire l'unità giuridica ed economica della Repubblica nel rispetto dell'autonomia di Regioni ed Enti locali. Nessun riparto di competenze - conclude Barbi - può essere realmente efficace se non si definiscono i meccanismi di cooperazione e codeterminazione tra i diversi livelli di governo”.

Il provvedimento, in particolare, porta sotto competenza esclusiva dello Stato alcune materie oggi di legislazione concorrente quali l'armonizzazione dei bilanci pubblici e il coordinamento della finanza, le infrastrutture (porti, aeroporti, grandi reti di trasporto e navigazione), l'ordinamento della comunicazione e l'energia, e introduce la “clausola di supremazia” dello Stato sulle Regioni.

Perplessità, inoltre, suscita l'introduzione della “disciplina giuridica del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche” alla lettera g) del secondo comma dell'articolo 117.




Classificazione:
[Riforme Istituzionali] 


«settembre 2017»
»lumamegivesado
>28293031123
>45678910
>11121314151617
>18192021222324
>2526272829301
>2345678
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy