SPL: il quadro riassuntivo delle norme

24/10/2012

Il continuo intrecciarsi di norme e articolati legislativi sparsi qua e la nella copiosa legislazione sui servizi pubblici locali, nonostante il referendum e la sentenza della Corte Costituzionale, il Governo continua ad avere una posizione frammentaria ed equivoca sull'argomento in oggetto.

La CGIL, anche nella Conferenza Nazionale sui SPL del luglio scorso, ha proposto una legislazione nazionale di quadro e normative settoriali che facessero chiarezza sugli obiettivi e sulle modalità di gestione degli stessi. Purtroppo così non è, e per orientarsi nella giungla legislativa e normativa, per agevolare il nostro lavoro sul territorio in tema di contrattazione confederale territoriale, ritengo opportuno inviarvi una copiosa documentazione riassuntiva  sulle seguenti tematiche:

1- I servizi pubblici locali a rilevanza economica dopo la sentenza della Corte Costituzionale (fonte Astrid);
2- Le società strumentali degli enti locali ( art. 4 della spending review) (fonte Astrid);
3- Il testo descrittivo curato dalla Dottoressa Laura Cavallo del Ministero dello sviluppo economico in merito alla nuova disciplina dei SPL a seguito degli interventi regolatori di adeguamento al referendum popolare e alla normativa dell'Unione Europea;
4- Un commento  descrittivo delle ricadute previste dai commi 13 e 18 dell'art. 34 del Decreto Legge del 4 ottobre 2012 riferiti alla individuazione degli ambiti ottimali (fonte Astrid);
5- un quadro riassuntivo delle attuali norme settoriali dei SPL  a rilevanza economica (fonte Astrid).
Sperando di farvi cosa gradita rimango a vostra disposizione per ogni eventuale chiarimento e/o discussione.




Classificazione:
[Reti e terziario]  [Servizi pubblici locali] 


«agosto 2017»
»lumamegivesado
>31123456
>78910111213
>14151617181920
>21222324252627
>28293031123
>45678910
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy