Servizi pubblici locali: quadro normativo

24/01/2013

La campagna elettorale, come del resto avviene normalmente, tranne poche ma lodevoli eccezioni, ha sospeso quel gran dibattito, non sempre sostenuto dal merito, sull'importanza sociale, occupazionale ed industriale che rivestono i SPL di rilevanza economica nel quadro di una auspicata fase di crescita e sviluppo della nostra economia. Così come non si sono ancora dispiegate tutte le conseguenze derivanti dalle operazioni cosiddette della spending review.

Tra un paio di mesi saremo in presenza del nuovo governo e tutti i temi inerenti i SPL torneranno nell'agenda delle cose da fare. Quello che come CGIL chiederemo non potrà essere una nuova infornata legislativa che corregga o emendi una già eccessiva produzione legislativa e normativa che non aiuta e non ha aiutato un processo vero di semplificazione e di individuazione delle responsabilità politiche ed amministrative. Sarà necessario un intervento risolutivo sul sistema delle aggregazioni e sul concetto di politiche di settore, anche con riferimento alla normativa comunitaria e ai pronunciamenti referendari e dell'alta Corte Costituzionale. Per tali semplici ragioni pensiamo sia cosa utile rimettere tutte le questioni in "fila" per riprendere, subito dopo le elezioni, il filo delle nostre iniziative e delle nostre proposte.

Il lavoro che alleghiamo è un quadro sinottico della normativa in atto per riprendere da dove avevamo lasciato le nostre riflessioni e le nostre iniziative.


Allegati:
 EVOLUZIONE NORMATIVA SPL 2013.pdf
Classificazione:
[Reti e terziario]  [Reti e servizi]  [Servizi pubblici locali] 


«marzo 2017»
»lumamegivesado
>272812345
>6789101112
>13141516171819
>20212223242526
>272829303112
>3456789
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy