Progetto CGIL di formazione degli UVL sulla dimensione europea della tutela dei diritti fondamentali “Courts and Charters - Workers' rights and access to the European Courts and Charters”

17/12/2014 Il Progetto “Courts and Charters” (www.courtsandcharters.eu), finanziato dall’Unione Europea, Direzione Generale Occupazione, Affari Sociali e Inclusione, volge positivamente al termine e proporrà i suoi risultati in occasione della Conferenza finale che si svolgerà a Bruxelles il 27 gennaio 2015 presso la sede della Confederazione Europea dei Sindacati.

Il Progetto “Courts and Charters” (www.courtsandcharters.eu), finanziato dall’Unione Europea, Direzione Generale Occupazione, Affari Sociali e Inclusione, volge positivamente al termine e proporrà i suoi risultati in occasione della Conferenza finale che si svolgerà a Bruxelles il 27 gennaio 2015.

Il Progetto, partito ad ottobre 2013 per una durata di 15 mesi, è stato condotto dalla CGIL – con il sostegno della Confederazione Europea dei Sindacati - in partenariato con la CGT (Francia), Comisiones Obreras (Spagna), DGB Rechtsschutz GmbH (Germania) e LO-TCO Rattsskydd AB (Svezia).
 
Scopo dell’azione formativa era incrementare il ricorso agli strumenti di tutela - sostanziale e giudiziaria - contro le discriminazioni nei luoghi di lavoro e in tema di diritti sociali fondamentali, da parte dei funzionari degli Uffici giuridici e vertenze delle 5 Confederazioni sindacali partner. In particolare, l’obiettivo era di sensibilizzare, informare e formare gli operatori sindacali su:
a) le modalità di accesso alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (CGUE) ed alla
Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (Corte EDU);
b) le possibilità di utilizzazione delle due Carte dei diritti (Carta dei diritti fondamentali
dell’UE e Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo) presso i giudici nazionali, al fine di
assicurare la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici nei casi in cui vi siano ingiustificabili disparità di trattamento nel godimento dei diritti fondamentali.

A tale scopo, nel corso dei 14 mesi già trascorsi abbiamo organizzato e realizzato due seminari: il primo a Roma il 7 e 8 Aprile 2014, presso la CGIL nazionale; il secondo a Torino il 6 e 7 Ottobre 2014, presso il centro di formazione internazionale dell’OIL. Attraverso i due seminari e mediante le relative attività preparatorie abbiamo sensibilizzato, informato e formato 30 funzionari ed avvocati degli Uffici giuridici e vertenze delle organizzazioni sindacali coinvolte: 14 persone dall’Italia, 4 dalla Francia, 4 dalla Spagna, 4 dalla Germania e 4 dalla Svezia.

I seminari si sono avvalsi di contributi da parte di studiosi, avvocati e giudici di Cassazione e di merito ed hanno favorito l’elaborazione di analisi della giurisprudenza europea e nazionale da parte dei funzionari degli UVL beneficiari, consentendo loro di sviluppare competenze specifiche su casi realmente trattati dagli uffici vertenze legali, soprattutto in materia di diritto antidiscriminatorio:
I seminari sono stati anche l’occasione per avviare un lavoro di network a livello nazionale e internazionale, che consente di capitalizzare e di veicolare informazioni e competenze per favorire la tutela dei diritti fondamentali nei luoghi di lavoro.

La Conferenza finale del Progetto di formazione per gli UVL (di cui alleghiamo il programma) si svolgerà a Bruxelles il 27 gennaio 2015 presso la sede della CES (l’ITUH). Essa si articolerà in  due sessioni di lavoro. Nella sessione della mattina l’attenzione sarà focalizzata sui diritti socio-economici e la Carta dei diritti fondamentali dell'UE; questa sessione vedrà la partecipazione di Egils Levits (giudice presso la Corte di Giustizia dell’Unione Europea), Giuseppe Bronzini (Consigliere della Corte di Cassazione), Filip Dorssemont (docente presso l’ Università cattolica di Lovanio), Chiara Favilli (docente presso l’Università di Firenze). La seconda sessione si concentrerà sui diritti sindacali alla luce delle Carte europee dei diritti dopo le discutibili decisioni della Corte di Giustizia UE nei casi Laval, Viling, Ruffert, Lussemburgo e della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo nel recente caso RMT.; essa vedrà la partecipazione di John Hendy (Barrister Old Square Chambers, avocato della confederazione inglese TUC), Rudolf Buschmann (avvocato presso il Rechtsschutz DGB); Laura Calafà (docente presso l’Università di Verona) e di un componente dell’Ufficio legale della CES.
La Conferenza finale sarà anche l’occasione per presentare una guida operativa (curata da Andrea Allamprese e Lorenzo Fassina) ad uso di funzionari degli Uffici vertenze ed avvocati su come accedere alle Corti europee e come avvalersi delle due Carte europee dei diritti, a maggiore tutela dei lavoratori contro le discriminazioni, soprattutto in ambito nazionale.

Ci auguriamo la più ampia partecipazione possibile alla Conferenza da parte delle strutture sindacali interessate, degli studiosi e degli operatori del diritto.

Sul sito di Progetto - all’indirizzo www.courtsandcharters.eu - potrete trovare documenti formativi, sentenze, pareri, auspicando che questo possa consolidare la cultura dei diritti e contribuire a rafforzare la dimensione europea della tutela dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici di cui abbiamo bisogno.


Allegati:
 Conf_Fin_programma_IT_def..pdf
Classificazione:
[Giuridica]  [Politica giudiziaria] 


«giugno 2017»
»lumamegivesado
>2930311234
>567891011
>12131415161718
>19202122232425
>262728293012
>3456789
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy