Le decisioni del Consiglio europeo del 18 dicembre 2014: un passo in avanti verso un Piano di investimenti, importante anche se insufficiente

22/12/2014

Via libera della Ue al piano che crea un nuovo Fondo per gli investimenti strategici (Efsi) con lo scopo di mobilitare 315 miliardi di euro nel 2015-2017: per i dettagli, ci sarà da aspettare un Consiglio straordinario a febbraio. Gli investimenti dovrebbero iniziare – al più tardi – verso la metà del 2015.

Le risorse dell'Italia al Fondo comune «non saranno» considerate nel valutare «le sue finanze pubbliche», ma per gli investimenti nazionali «che pesano sui conti italiani è più complicato: il Patto non permette a priori lo stesso trattamento». Se ne «parlerà» - a gennaio  - affrontando «la flessibilità all'interno del Patto”.  Per la «flessibilità» richiesta dall'Italia per tutti gli investimenti nazionali (scomputando dal Patto di stabilità almeno i co-finanziameni dei fondi comunitari di coesione)  – ha spiegato il ministro Gozi - «con questo questo vertice, si apre un percorso che passa per la Comunicazione proprio sulla flessibilità che la Commissione presenterà a gennaio”. Ad oggi, pare che al vertice è sostanzialmente passato il concetto dello «scorporo».

Per ulteriori dettagli si rinvia alle Conclusioni del verticie, ivi allegate.

Intanto si ricorda che è possibile aderire, anche on line, al New Deal for Europe: iniziativa del Movimento europeo - a favore di un gran Piano di investimenti, europeo – sostenuto anche dai sindacati.


Allegati:
 146414_Consiglio_EU_12.2014.pdf
Classificazione:
[Politiche europee] 


«maggio 2017»
»lumamegivesado
>24252627282930
>1234567
>891011121314
>15161718192021
>22232425262728
>2930311234
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy