Riforma del Terzo Settore: da CGIL CISL UIL osservazioni e proposte al disegno di legge in discussione al Senato

08/06/2015

Il Disegno di “legge delega di riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale,” approvato il 9 aprile us dalla Camera dei Deputati, è ora all’esame del Senato. Una volta approvata definitivamente, la legge indirizzerà i decreti delegati che il Governo dovrà emanare entro un anno dalla sua entrata in vigore. Sono state apportate significative modifiche al testo originale presentato dal Governo, sul quale CGIL CISL UIL hanno presentato osservazioni con il documento per l’Audizione parlamentare sul DdL di riforma del Terzo Settore. Prima ancora di valutazioni specifiche sulle novità del nuovo testo, nel nuovo documento CGIL CISL UIL ribadiscono che è necessario collocare la riforma in un disegno più complessivo, riferito allo sviluppo dell’economia sociale e del volontariato e di un welfare universale ed equo. Un disegno che invece sembra ancora mancare. Per Cgil Cisl e Uil il Disegno di Legge  in discussione deve essere l’occasione per valorizzare e rafforzare le caratteristiche del Non Profit italiano quello della responsabile partecipazione dei cittadini, organizzata nei corpi intermedi, e quello dell’ampliamento di buona occupazione. Nel documento vengono presente proposte di modifica del disegno di legge.

In allegato il documento di CGIL, CISL, UIL “Osservazioni e proposte sul disegno di Legge Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale” (atto del Senato n. 1870) e la lettera alla Commissione referente del Senato.


Allegati:
 2015.06.03_TERZO_SETTORE_CGIL_CISL_UIL.pdf
Classificazione:
[Assistenza, III settore, Economia sociale] 


«agosto 2017»
»lumamegivesado
>31123456
>78910111213
>14151617181920
>21222324252627
>28293031123
>45678910
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy