Chimici: sindacati, via libera all'ipotesi di piattaforma per il rinnovo del contratto del settore

01/07/2015 Tra i capitoli di rilievo quello dei diritti e delle tutele: dallo smart-working, al lavoro flessibile, al telelavoro, al miglioramento delle norme dei congedi

Gli esecutivi unitari di Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil hanno dato il via libera all'ipotesi di piattaforma per il rinnovo del contratto del settore chimico-farmaceutico (oltre 171.000 i lavoratori interessati, dipendenti da più di 2900 imprese) in scadenza il 31 dicembre 2015.

Tra i capitoli di rilievo poi quello dei diritti e delle tutele: affrontare i temi dello smart-working, del lavoro flessibile, del telelavoro, del miglioramento delle norme dei congedi (per quello per paternità si propongono 2 giorno in più di permesso retribuito, n.d.r.) e dei permessi per gestire i problemi familiari, significa dare risposte concrete alle persone ma anche “ritorni” per la produttività e la qualità del lavoro. Quanto ai licenziamenti collettivi vanno garantiti a tutti i nuovi assunti le disposizioni previste dagli art. 4, 5, 24 della legge 223/1991 sulla normativa del lavoro. Sui provvedimenti disciplinari, deve essere riconfermato il sistema di tutele previste dal contratto nazionale in materia di progressività e proporzionalità delle sanzioni.

Ora l'ultima parola spetta alle assemblee dei lavoratori, per consentire l'avvio delle trattative con le associazioni imprenditoriali di riferimento (Federchimica, Farmindustria, Assocerai, Anicta – Confindustria, alle quali sono già state inoltrate le lettere di disdetta).

http://www.rassegna.it/articoli/2015/07/01/123196/contratto-chimici-accordo-sulla-piattaforma-unitaria


Classificazione:
[Politiche di genere]  [Lavoro] 


«maggio 2017»
»lumamegivesado
>24252627282930
>1234567
>891011121314
>15161718192021
>22232425262728
>2930311234
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy