Sanità: Cgil, non si scarichino su cittadini responsabilità e costi prestazioni 'inappropriate'

23/09/2015

"Le prestazioni fornite dal Servizio Sanitario Nazionale devono essere appropriate ma è inaccettabile scaricare la responsabilità e il costo sulle spalle del cittadino che viene costretto a pagare. Così come l’appropriatezza non si realizza 'per decreto'". Con queste parole Stefano Cecconi, responsabile Politiche della Salute della Cgil nazionale, commenta le restrizioni proposte dal ministro Beatrice Lorenzin per visite ed esami.

"Quella che il Ministro Lorenzin sta compiendo - prosegue Cecconi - è un'operazione delicatissima, che riguarda la garanzia dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) ed è condizionata pesantemente dai tagli alla sanità. Per questo - conclude - il confronto con i sindacati medici è utile ma non basta: è inconcepibile che una questione così rilevante venga trattata senza un confronto con tutte le forze sociali, che rappresentano milioni di cittadini utenti del Servizio Sanitario Nazionale".


Classificazione:
[Welfare]  [Politiche della salute] 


«marzo 2017»
»lumamegivesado
>272812345
>6789101112
>13141516171819
>20212223242526
>272829303112
>3456789
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy