Politiche abitative newsletter numero 19/2015

19/10/2015 Pubblichiamo Politiche abitative newsletter n° 19/2015, periodico di informazione ed approfondimento su: "Politiche dell'abitare e abitare e sostenibile", curato dall'Area della Contrattazione sociale - Politiche abitative - CGIL nazionale in collaborazione con il Centro Studi FILLEA nazionale.

Pubblichiamo Politiche abitative newsletter n° 19/2015, periodico di informazione ed approfondimento su: "Politiche dell'abitare e abitare e sostenibile", curato dall'Area della Contrattazione sociale - Politiche abitative  - CGIL nazionale in collaborazione con il Centro Studi FILLEA nazionale.


In questo numero:
Il consiglio dei ministri ha varato la legge di stabilità 2016. La manovra ammonterà a una cifra compresa tra i 27 e i 30 miliardi. Il valore definitivo dipenderà dal riconoscimento in sede europea di un margine di flessibilità pari allo 0,2 per cento del pil (circa 3 miliardi di euro). In attesa di conoscere il testo del disegno di Legge per poter esprimere un giudizio compiuto,  per il momento è possibile commentare solo le parole del premier e le slide presentate in conferenza stampa.
La CGIL ha espresso i suoi primi commenti, soprattutto in relazione alla minore libertà per i lavoratori, minore lotta all’evasione e all’illegalità, minore sanità pubblica e minore valore al lavoro e del salario. Si prosegue anche nella politica di non equità sulla tassazione dei beni immobiliari: la misura sulla quale punta maggiormente il governo, infatti, riguarda l'eliminazione indifferenziata delle tasse sulla prima casa.
La CGIL ha più volte espresso la sua posizione in relazione alla tassazione sulla prima abitazione: innanzitutto essa andrebbe inserita in un più ampio piano di tassazione progressiva dei grandi patrimoni e, comunque, limitandosi solo alla proprietà immobiliare, a tutela dei redditi più bassi di lavoratori e pensionati la tassa sulla prima casa deve essere abolita per chi possiede una sola abitazione, per rendite catastali al di sotto di una certa soglia, mantenendo di conseguenza l'obbligo di versamento per le rendite (e quindi i valori di mercato) superiori, riferiti ad immobili di maggior pregio.
Confermati i bonus edilizi: Ecobonus 65%, Bonus ristrutturazioni 50% e Bonus mobili 50% legato ai lavori in casa per tutto il 2016. La notizia, è stata twittata e segnalata dal premie dopo il Consiglio dei ministri. Da diverse fonti e dalle dichiarazioni dei funzionari del Ministero delle Infrastrutture e dell’Economia, a quanto pare la proroga del bonus ristrutturazione ed ecobonus 2016 durerà sempre un anno, quindi fino al 31 dicembre 2016 sfumando, quindi, il tentativo di una stabilizzazione.
Per ora la certezza sta solo sulla conferma delle detrazioni e non sui potenziali ampliamenti auspicati nelle settimane precedenti.


Notizie:

Notizia in evidenza - Legge di stabilità, misure per la casa

Politiche abitative
– Abitare per gli studenti universitari: iniziativa CGIL, SUNIA, UDU a Milano; - Notizie dai territori.

Abitare sostenibile - Risparmio energetico: Nuovo APE, situazione regionale; Regime sanzionatorio previsto dalla nuova normativa; Online la nuova versione BETA di Docet - Notizie dai territori.

Studi e ricerche:
Agenda urbana (Rapporto sulle città 2015” di Urban@it); Classifica europea su social housing (ricerca “Scenari economici delle maggiori città europee a confronto: dove si colloca Roma?”, realizzata dal Cresme in collaborazione con la Camera di Commercio di Roma); Ecobonus, investimenti e posti di lavoro (rapporto presentato dal Cresme e dal Servizio Studi della Camera).

Buone pratiche di innovazione sostenibile.


Allegati:
 Politiche_abitative_news_n.19_2015.pdf
Classificazione:
[Politiche abitative] 


«marzo 2017»
»lumamegivesado
>272812345
>6789101112
>13141516171819
>20212223242526
>272829303112
>3456789
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy