Reati ambientali: l’esclusione della punibilità secondo la Cassazione

04/12/2015


La Corte di Cassazione nell’ultimo semestre si è più volte pronunciata sul nuovo istituto introdotto dal dlgs 28/2015 ed in vigore dallo scorso 2 aprile 2015. In materia di reati ambientali il ravvedimento dell’imputato, così come la regolarità della sua pregressa condotta e l’applicabilità al fatto commesso del minimo previsto dalla legge, possono far scattare, sussistendo gli altri requisiti di legge, ”l’esclusione della punibilità per la particolare tenuità del fatto” prevista dal nuovo articolo 131-bis del codice penale.


Allegati:
 2015dic03_Rifiuti_ambientali_2015.pdf
Classificazione:
[Ambiente e territorio] 


«marzo 2017»
»lumamegivesado
>272812345
>6789101112
>13141516171819
>20212223242526
>272829303112
>3456789
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy