Primo Piano

Contro austerity e fiscal compact, prosegue campagna referendaria

16/09/2014 Manifesti: 1 - 2 » Volantini: 1 - 2 - Volantone
AUDIO: Stop all'Austerità. Al via il referendum - SPOT
» 'Stop Austerità': prosegue la raccolta firme. Una "grande battaglia" contro la recessione - Audio

Link per mobile iPad/iPhone Android/RTSP Devices

Contro le politiche di austerità adottate dall'Europa e dall'Italia prosegue la campagna referendaria per cambiare la legge sul Fiscal Compact: 'SI' alla fine dell’austerità, SI' all’Europa del lavoro e di un nuovo sviluppo'. Le politiche di tagli indiscriminati, di assenza di investimenti per il futuro delle imprese e dei giovani, di aumenti insostenibili della pressione fiscale, dal 2007 ad oggi, hanno raddoppiato la disoccupazione, fatto diminuire il valore della ricchezza nazionale, peggiorato i conti pubblici e fatto chiudere 3 milioni di imprese. Dunque, con le politiche di Austerità la crisi si è aggravata. “La politica dell'austerità cosiddetta 'espansiva' è stato un autentico fallimento”, afferma Danilo Barbi, Segretario Confederale della CGIL, poiché spiega “l'idea stessa su cui si basa è quella della compressione del costo del lavoro e della riduzione della spesa pubblica. Si è pensato, erroneamente, che potesse mettere in moto investimenti privati di tipo internazionale o all'interno dei Paesi, ma in realtà non è stato così. Anzi – prosegue Barbi -, questa politica ha depresso i consumi e anche gli investimenti privati. Invece di creare benessere per tutti, ha costretto a lottare per ottenere un benessere sempre minore introducendo meccanismi di competizione tra i popoli”.

Per queste ragioni gli italiani sono chiamati a firmare per i 4 quesiti referendari, per esprimersi contro l'austerità e a favore dello sviluppo e del lavoro. La raccolta firme iniziata il 3 luglio in tutta Italia proseguirà fino al 30 settembre. La CGIL sostiene la campagna insieme a economisti e giuristi. “Questa è l’unica possibilità, stante la legge per i referendum, per dare la parola al popolo italiano circa la politica economica europea nella primavera del 2015, che è il periodo in cui, presumibilmente, verrà ridiscusso il Patto di Stabilità europeo” afferma Barbi. “E’ sicuramente una difficilissima impresa organizzativa alla quale non c’è alternativa: se andassimo oltre, il referendum si farebbe solo nel 2016, quando molte cose sarebbero già, comunque, cambiate”.

I 4 quesiti referendari che hanno per oggetto alcune disposizioni della legge 243 del 2012 che dà attuazione al principio di equilibrio del bilancio pubblico, introdotto nella Costituzione con la legge costituzionale n.1 del 2012, sono già stati presentati nella Gazzetta Ufficiale n. 135 pag. 49, del 13 giugno. Con i 4 SI' si intendono abrogare i passaggi della legge 243 che impongono vincoli aggiuntivi rispetto alle norme europee e al Fiscal Compact e apriranno la strada a una rivisitazione complessiva delle politiche macroeconomiche europee.

Quesito 1
: Attuando il principio costituzionale dell'equilibrio del bilancio, il Governo e il Parlamento non potranno stabilire obiettivi di bilancio più gravosi di quelli definiti in sede europea. In particolare, verranno abrogate quelle parti della legge che consentono di andare al di là degli obiettivi di bilancio stabiliti dall'Unione.

Quesito 2: Si abroga la disposizione che prevede l'esatta “corrispondenza” tra il principio costituzionale di bilancio e l'”obiettivo a medio termine” stabilito in Europa. Le normative europee non impongono l'assoluta coincidenza degli obiettivi di bilancio nazionale con l'”obiettivo a medio termine” e prevedono margini di flessibilità che verrebbero ripristinati.

Quesito 3: Si abroga la norma che limita il ricorso all'indebitamento per realizzare operazioni finanziarie ai soli casi eccezionali stabiliti dalla legge, limite che non scaturisce dalla Costituzione né è imposto da impegni europei. Abrogando questo limite, si consentirà al nostro Paese di contrastare gli effetti della crisi con un maggior ventaglio di strumenti.

Quesito 4: L'attivazione obbligatoria e automatica del cosiddetto “meccanismo di correzione” delle politiche di finanza pubblica avverrà soltanto quando previsto dall'Unione europea, non anche quando imposto da trattati internazionali.

Per ulteriori informazioni: www.referendumstopausterita.it

Materiali audio
Podcast:
» Stop austerità. Perchè il referendum? Parla Massimo D'Antoni
» Stop austerità. Perchè il referendum? Parla Alfiero Grandi
» Stop austerità. Perchè il referendum? In studio Leonardo Becchetti
» Referendum: al via la raccolta di firme nelle Marche. Con Rossella Castellano, Università di Macerata
» Stop austerità. Perchè il referendum. In studio Lorenzo Mazzoli, Cgil
» Stop austerità. Perchè il referendum. Parla Riccardo Realfonzo
» Stop austerità. Perchè il referendum. In studio Mauro Beschi, Cgil
» Stop austerità, perché il referendum. Parla Laura Pennacchi
» Stop austerità. Parla Gustavo Piga
» Stop austerità, perché i referendum. Con M. D'Antoni e R. Realfonzo
» Stop all'Austerità. Al via il referendum. In studio Danilo Barbi, Cgil


Classificazione:
[Politiche economiche] 















Archivio
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy