Primo Piano

Appalti: Cgil, al via viaggio per raccolta firme su proposta legge

12/02/2015 Il furgone attraverserà l'Italia per la campagna del sindacato
» MATERIALI GRAFICI
» MAPPA delle tappe per la raccolta firme - FOTO del viaggio
» Proposta di legge - Sintesi - vademecum
» Manifesto giornata raccolta firme 19 marzo

“Gli appalti sono il nostro lavoro. I diritti non sono in appalto”. Queste le parole scelte dalla Cgil per una campagna a sostegno di una proposta di legge di iniziativa popolare sul tema e che, a partire da oggi e fino alla fine di aprile, attraverserà tutto il Paese. Lo farà grazie ad un furgone, adeguatamente bardato delle immagini della campagna, che oggi da Aosta inizia un viaggio che percorrerà tutto lo stivale per chiudersi a Roma negli ultimi giorni di aprile. L'obiettivo è la raccolta di firme a sostegno di una proposta di legge che, in estrema sintesi, propone: la garanzia dei trattamenti dei lavoratori impiegati negli appalti privati e pubblici; il contrasto alle pratiche di concorrenza sleale tra le imprese; la tutela dell'occupazione nei cambi di appalto.

Le motivazioni di questa iniziativa della Cgil nelle parole del segretario confederale, Franco Martini. “La parola appalti - spiega il dirigente sindacale - è troppo spesso legata al termine malaffare, ma dietro la 'corruttela' ci sono centinaia di migliaia di lavoratrici e lavoratori che pagano il prezzo più alto di questa deriva. Gli appalti sono infatti prevalentemente sinonimo di lavoro povero, destrutturazione del ciclo produttivo, di sfruttamento del lavoro, di assenza di diritti, di inquinamento dell’economia. Elementi che impongono una politica diversa”.

Queste quindi le ragioni di un impegno straordinario della Cgil, che si innesta in un percorso sindacale unitario che sta monitorando, sul tema appalti, il tema delle direttive europee e del disegno di legge delega di recepimento. “L'impegno del sindacato su questo fronte - precisa Martini - ricalca infatti il merito della proposta di legge della Cgil, ovvero: lotta al massimo ribasso, riduzione del numero delle stazioni appaltanti, ripristino della clausola sociale, applicazione di un contratto di riferimento, quello prevalente nel sito”. Punti che sono al centro della campagna Cgil e che mira, tra le altre cose, “al ripristino della norma sulla responsabilità solidale”.

Gli appalti sono un segmento cruciale dell'economia e del mercato del lavoro, “che va innovato e rinnovato, introducendo un sistema di diritti e di tutele”, aggiunge ancora Martini. “Gli appalti sono un cancro dell'economia - osserva il segretario confederale della Cgil -, inseriti in un'area di illegalità che si stima essere pari a 70 miliardi di euro. Bisogna riportare tutto alla luce, ricondurre tutto in trasparenza, tutelando e garantendo quei lavoratori, anche e soprattutto dalle storture del Jobs Act. Questo il nostro impegno, questo l'obiettivo della campagna”, conclude Martini.

Le tappe del viaggio. Dopo la partenza dalla Valle d'Aosta il 12 febbraio (video), il furgone si è spostato in Piemonte, per toccare poi tutte le regioni del Nord entro i primi di marzo: Lombardia dal 19 al 21 febbraio (video); Trentino Alto Adige il 23 e 24 febbraio; il 25 febbraio è stata la volta del Friuli Venezia Giulia; il Veneto il 26 febbraio con tappa a Treviso (videofoto) e il 27; dal 2 al 4 marzo è stata la volta dell'Emilia Romagna e dal 5 al 7 marzo della Liguria (La Spezia video - foto). Il furgone attraverserà il Centro Italia, fino alla fine di marzo. Dal 9 e all'11 marzo il furgone sarà in Toscana (foto), poi in Sardegna dal 13 al 18 marzo. Per il 19 marzo è prevista una giornata nazionale di raccolta firme in tutti i luoghi di lavoro, mentre il 20 e 21 il viaggio proseguirà in Umbria, poi nelle Marche il 22 e 23, in Abruzzo il 24 e 25 e in Molise il 26 e 27 marzo. Ad aprile il furgone farà tappa nelle regioni del Sud: dal 30 marzo al 4 aprile sarà in Campania, dal 9 all'11 aprile in Calabria, arriverà in Sicilia dal 13 al 16 aprile, mentre sarà in Basilicata il 17 e il 18 aprile, infine la Puglia ospiterà il furgone dal 19 al 22 aprile. La conclusione del viaggio è prevista dal 23 al 27 aprile nel Lazio.

Intanto, il 5 marzo la Fillea Cgil ha promosso una giornata di mobilitazione nazionale dal titolo 'Giù le mani dai cantieri', con iniziative in tutta Italia. Per leggere la cronaca della giornata clicca qui

Notizie correlate

















Archivio
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy