Primo Piano

Scuola: Cgil , confermato attacco a contratto

13/03/2015 » La Cgil presenta la campagna 'Scuola Lavoro: le chiavi del futuro'

"Il disegno di legge presentato dal governo conferma l'attacco al contratto nazionale e introduce un vulnus al principio costituzionale che esclude oneri a carico dello Stato per il finanziamento delle scuole private". Lo afferma Gianna Fracassi segretario nazionale Cgil. "Per gli insegnanti si prevede più discrezionalità nelle assunzioni e sulle carriere. Per le assunzioni dei precari si registra uno scarto tra l'annuncio di 150mila assunzioni e la realtà che viene pagato da migliaia di precari delusi nelle loro attese. Rimangono tutte le preoccupazioni sulla tempistica delle assunzioni che potrebbero mancare l'obiettivo di avere gli insegnanti in classe al primo settembre 2015", prosegue la nota.

"Dopo il passo indietro del governo sul decreto legge e scatti di anzianità ci aspettiamo l'avvio di un reale confronto in Parlamento e con le organizzazioni sindacali per ricondurre tutte le materie che riguardano il lavoro alla contrattazione e per realizzare un vero cambiamento della scuola che innalzi i livelli di istruzione del paese, sviluppando la centralità e la qualità della scuola pubblica e garantendo pienamente l'accesso all'istruzione con interventi di diritto allo studio", conclude Fracassi.


Classificazione:
[Formazione e ricerca] 















Archivio
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy