Primo Piano

L.Stabilità: campagna CGIL CAAF contro tagli

20/11/2015 Sabato 5 e domenica 6 dicembre apertura straordinaria degli uffici

La Legge di Stabilità del Governo, che è ora all’esame del Senato, prevede attualmente un taglio ai finanziamenti dei compensi ministeriali ai CAF di 40 milioni nel 2016, 70 milioni per il 2017 e per il 2018 e 100 milioni dal 2019.

"E’ un vero e proprio attacco all’attività di tutela sociale svolta da questi nei confronti dei cittadini, come per l'assistenza all'ISEE, e al sostegno e alla facilitazione prestati agli stessi nell'adempiere i propri doveri fiscali e a ottenerne le relative agevolazioni". Così Cgil e Caaf commentano la Legge di Stabilità del Governo che prevede attualmente un taglio ai finanziamenti dei compensi ministeriali ai CAF di 40 milioni nel 2016, 70 milioni per il 2017 e per il 2018 e 100 milioni dal 2019.

"Come per l'attacco al Fondo Patronati, le conseguenze di questa scelta - prosegue Cgil e Caaf -  avranno un impatto drammatico sull’intero sistema della rappresentanza e dei servizi e, più in generale, sul complesso della nostra organizzazione".

Per questi motivi, Cgil e Caaf hanno lanciato una campagna di sensibilizzazione rivolta all’opinione pubblica, ai parlamentari e a tutte le istituzioni locali e nazionali, a partire dai luoghi di lavoro e dalle leghe dei pensionati e lanciato su change.org una petizione per chiedere ai Parlamentari della Repubblica Italiana di cancellare il comma 3 dell’articolo 33 del Ddl Stabilità che prevede la riduzione dei fondi per i servizi di assistenza fiscale.

















Archivio
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy