Alcune notizie utili per effettuare la regolarizzazione di colf e badanti extracomunitarie

27/08/2009

1.    Le domande per la regolarizzazione si presentano tra il 1° settembre e il 30 settembre 2009.

2.    È  importante che si faccia una verifica dei requisiti di legge necessari sia per il datore di lavoro e lavoratore prima del versamento contributivo forfettario di 500€ in quanto qualora la richiesta di regolarizzazione non andasse a buon fine, il contributo non verrà restituito.

3.    Il rapporto di lavoro deve sussistere almeno a partire dal 1° aprile 2009 ed essere in corso.

4.    È possibile regolarizzare anche chi è in possesso di un titolo di soggiorno che non consente attività lavorativa (ad es. cure mediche, turismo, attesa cittadinanza, ecc.)

5.    Per la regolarizzazione di lavoratori domestici i datori di lavoro possono dichiarare anche i redditi non soggetti ad IRPEF (ad es. Invalidità civile, Assegno sociale, TFR, ecc.)  purché documentabili.

6.    Il datore di lavoro può presentare domanda di emersione solo in caso di rapporto di lavoro con  un orario minimo di 20 ore settimanali- Per il raggiungimento di questo requisito non è possibile sommare più datori di lavoro. 

7.    Per la regolarizzazione delle badanti è necessario una attestazione della struttura sanitaria pubblica o del medico convenzionato, che attestino la limitazione dell'autosufficienza.  Sono valide le certificazioni  ASL,  INAIL e INPS.

8.    Per l’extracomunitario che non sia in possesso del Passaporto, può essere valida la dichiarazione consolare.

Tutti gli uffici del Patronato INCA CGIL sono a disposizione degli utenti per informazioni e inoltro della richiesta di regolarizzazione.

Consulta lo speciale




«novembre 2019»
»lumamegivesado
>28293031123
>45678910
>11121314151617
>18192021222324
>2526272829301
>2345678
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy