L'IRES festeggia il suo trentennale: oggi a Roma le celebrazioni

02/12/2009 Epifani, uno strumento che serve a chiarire i fattori di cambiamento all'interno della crisi che l'economia mondiale sta vivendo - Visita la galleria fotografica

Sono trascorsi 30 anni da quel lontano 1979 quando, da un desiderio comune di Vittorio Foa, Bruno Trentin e Luciano Lama, venne fondato l'Istituto di Ricerche Economiche e Sociali della CGIL: l'IRES. Nel corso di un convegno, che si è tenuto questa mattina nella sede della CGIL nazionale a Roma,  si è celebrata la ricorrenza e ricordato oltre alle figure storiche dell'associazione anche il grande ed impegnativo lavoro svolto in questi trent'anni d'attività.

È stato Agostino Megale, Segretario Confederale della  CGIL ed attuale presidente dell'IRES, ad aprire i lavori definendo l'istituto di ricerche “uno strumento che fornisce al sindacato una  chiave di lettura – in visione anticipatoria – della società. Un mezzo che in trent'anni ha dato alla CGIL la possibilità d'essere un precursore su temi di grande importanza”.

Il Segretario Generale della CGIL, Guglielmo Epifani, concludendo la mattinata di festeggiamenti, ha riportato la discussione su tematiche più attuali ricordando quanto l'IRES possa “chiarire i fattori di cambiamento all'interno della crisi che l'economia mondiale sta vivendo. Sappiamo sicuramente che non usciremo da questa crisi così come ne siamo entrati. Quando tutto sarà finito le geografie sociali, economiche e politiche non saranno più quelle del 2007”.

Oltre che di crisi Epifani ha parlato anche della necessità di continuare ad alimentare lo scambio di conoscenze e del contributo che i giovani – con nuove e specifiche conoscenze – possono e devono riuscire a dare alla ricerca: “spetta a tutti contribuire dando ai giovani ricercatori non solo la possibilità di lavorare ma la possibilità di lavorare nel loro paese e di contribuire allo sviluppo e all'innovazione dell'Italia”.

Quasi una lezione di storia è stato poi l'intervento di Giuliano Amato, Presidente dell'Enciclopedia italiana e primo presidente dell'IRES. Con un toccante racconto, Amato ha ricordato “le giornate afose passate a lavorare agognando un po' di frescura guardando Villa Borghese – dalla storica sede della CGIL di Roma è infatti visibile il vasto e verdeggiante parco che circonda la dimora tardo cinquecentesca – e i giorni in cui i miei figli, dopo la scuola, mi raggiungevano qui in CGIL per poter pranzare insieme”.

All'incontro sono intervenuti anche Giovanna Altieri, Direttore dell'IRES CGIL, Laura  Pennacchi, economista e il Presidente del CER, Giorgio Ruffolo.




«ottobre 2019»
»lumamegivesado
>30123456
>78910111213
>14151617181920
>21222324252627
>28293031123
>45678910
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy