Siglata l'ipotesi di accordo per rinnovo CCNL dei chimici

18/12/2009 Epifani, importante risultato, premia autonomia categorie. Giudizio positivo ad una prima lettura che dovrà essere però approfondita su tutti i dettagli del testo
Leggi il testo dell'ipotesi di accordo

Siglata l’ipotesi di accordo per il rinnovo triennale del contratto dei chimici. Partiti con tre piattaforme separate, sono approdati positivamente, dopo un serrato confronto,  ad una intesa unitaria con la sigla sancita oggi a Milano – e prima della scadenza del 31 dicembre prossimo – dell'ipotesi di accordo fra FILCEM-CGIL, FEMCA-CISL, UILCEM-UIL, Federchimica e Farmindustria per il rinnovo del contratto nazionale del settore chimico-farmaceutico riferito al triennio 1 gennaio 2010 – 31 dicembre 2012 (oltre 200.000 i lavoratori interessati, impiegati in più di 1700 imprese, il 90% delle quali piccole e medie).

L'intesa sottoscritta prevede un aumento medio complessivo di 150 euro,  di cui  135 euro distribuiti sui minimi (cat. D1), in tre “tranche”: dal 1 gennaio 2010, 38 euro; dal 1 gennaio 2011, 48 euro; dal 1 gennaio 2012, 49 euro.  In sostanza, nel triennio 2010-2012 entreranno nelle buste paga dei lavoratori 3.626 euro in più, montante questo superiore – se rapportato al triennio – al risultato conseguito nel biennio precedente 2008-2009 (3.452 euro), “che – fanno rilevare i sindacati – rappresenta una concreta risposta in difesa del reddito dei lavoratori del settore, falcidiato dalla crisi”. Nell'ambito della durata contrattuale l’intesa prevede che le parti verificheranno eventuali scostamenti degli aumenti sulla base  dell'inflazione reale.

“Avevamo scommesso che il vero banco di prova – afferma Alberto Morselli, segretario generale della FILCTEM-CGIL – sarebbe stato il merito, la sola possibilità concreta per valorizzare il contratto nazionale e ricostruire attraverso il negoziato  l'unità sindacale e il rapporto democratico con i lavoratori. E i risultati conseguiti – prosegue – ci hanno dato ragione: l'indice IPCA previsto nell'accordo separato è superato nei fatti, prova ne è che Federchimica e Farmindustria, in ossequio a quell'accordo, avevano proposto un aumento pari a 102,50 euro, mentre portiamo a casa un aumento medio complessivo di 150,00 euro, conglobando gli scatti di anzianità”. Secondo Morselli, l’intesa raggiunta “è il frutto di un negoziato vero, sincero,  innovativo, che ha fatto rivivere più in generale l'autonomia delle categorie, e confermato la capacità dei chimici di saper individuare una soluzione complessivamente positiva”. Inoltre, aggiunge il segretario, “abbiamo esteso e rilanciato la contrattazione di secondo livello, soprattutto per migliorare professionalità,  produttività e, di conseguenza, i premi di partecipazione”.

Ma le novità economiche non finiscono qui. L'ipotesi di accordo prevede anche – a totale carico delle imprese – 10 euro (0,45%)  in più per le prestazioni previdenziali di “Fonchim” (il fondo di previdenza complementare del settore, più di 163.000 gli aderenti, pari a quasi il 90% degli addetti)  mentre in  “Faschim”(il fondo integrativo sanitario del settore con 116.000 iscritti) si ridurrà del 50% l'attuale quota versata dai lavoratori iscritti (da 6 a 3 euro): con l'estensione sperimentale poi di “Welfarma” (il tavolo di concertazione sulle crisi) a tutto il settore  si consolida quel “welfare contrattuale”, da sempre fiore all'occhiello della categoria. “Anche per questa via – spiega Morselli – abbiamo aiutato i lavoratori, in particolare per “Faschim” che – lo voglio ricordare -  rappresenta una risposta efficace allo strapotere delle polizze assicurative individuali, sempre più mercantili e sempre meno propense a coprire il bisogno sanitario non fornito dal Servizio sanitario nazionale”.

Altri incrementi contrattuali di rilievo sono previsti per i lavoratori in turno continuo, la cui indennità viene rivalutata di 1 euro, e per i quadri (l'indennità di funzione sale a 190 euro per la cat. A e a 100 euro per la cat. B, dagli attuali 172 e 90 euro). Da sottolineare anche il fatto che il nuovo contratto fornisce un forte impulso  alla estensione della contrattazione di 2° livello, rafforzando il ruolo delle Rsu e dei livelli territoriali: è stata modificata infatti la soglia dimensionale delle imprese (dai precedenti 100 agli attuali 70 dipendenti) per la diffusione del premio di partecipazione  e incrementata l'indennità sostitutiva di 2 euro/mese (che passa dagli attuali 24 a 26 euro/mese) per quelle  aziende che non ne fruiscono.

Sui temi di scottante attualità come ambiente, salute e sicurezza – da sempre il “dna” dei chimici – si è ottenuto un aumento delle ore di attività formativa e l'istituzione di un apposito libretto formativo nel quale saranno registrati i percorsi formativi di ciascuno, oltre ad una maggiore diffusione delle “linee-guida”. Inoltre sul mercato del lavoro c'è l'obiettivo dichiarato, per contrastare il fenomeno della precarietà, di puntare decisamente alla stabilizzazione occupazionale, definendo sia pur in via sperimentale – a fronte di un inserimento a tempo indeterminato - l'allungamento del periodo di prova per i giovani di prima occupazione, che rappresenta una vera novità nel panorama del mercato del lavoro italiano.

Infine, la sensibilità delle parti sulla formazione continua e la riqualificazione per tutti i lavoratori, ha prodotto un piano straordinario rivolto  proprio ad un ulteriore sostegno delle azioni formative (d'ingresso, addestramento, continua, congiunta) particolarmente rivolto ai lavoratori in cassa integrazione e mobilità (oltre 50.000 solo negli ultimi mesi). L'ipotesi di accordo stipulata – fanno sapere i sindacati – sarà sottoposta unitariamente al vaglio delle assemblee dei lavoratori, secondo l'accordo che le federazioni dei chimici si erano date unitariamente fin dal febbraio 2008.




«ottobre 2019»
»lumamegivesado
>30123456
>78910111213
>14151617181920
>21222324252627
>28293031123
>45678910
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy