'Il lavoro prima di tutto!'. Camusso, il 20 ottobre in piazza per dare voce agli invisibili

12/10/2012 Il Segretario Generale della CGIL ha presentato la manifestazione nazionale proclamata dalla Confederazione per sabato 20 ottobre a Roma in piazza San Giovanni dalle 10.30 alle 17.30. Una lunga giornata di mobilitazione per "cambiare l'agenda del Governo Monti" e perchè "dalla crisi non si esce riducendo il lavoro. Non possiamo lasciare i lavoratori alla loro disperazione individuale, bisogna costruire risposte"
» Locandine: 1 - 2 - Volantino - Volantino/programma - SPOT - Ascolta: l'intervento di Susanna Camusso

'Il lavoro prima di tutto!'. E' con queste parole che la CGIL torna in Piazza San Giovanni a Roma per una grande manifestazione nazionale il 20 ottobre dalle 10,30 alle 17,30. La giornata di mobilitazione è stata presentata questa mattina, nel corso della conferenza stampa, dal Segretario Generale, Susanna Camusso, la quale ha ribadito: “bisogna mettere al centro il lavoro, non lasciare i lavoratori alla loro disperazione individuale e costruire risposte. Daremo voce ai più invisibili tra gli invisibili”.

La CGIL chiama i lavoratori e le lavoratrici italiane a mobilitarsi insieme alla Confederazione, perchè ha spegato  Camusso “bisogna innanzitutto cambiare l'agenda del Governo Monti”. La legge di stabilità “non è quella giusta”, secondo la leader della CGIL è l'ennesimo provvedimento che “colpisce la parte più povera del Paese, dimostrazione di come questo governo non guardi alla condizione concreta e materiale delle persone”. Per non parlare di alcune, tra le tante, misure specifiche contenute nel ddl stabilità: “ci sono cose di un cinismo insuperabile, come il taglio sulla legge 104: una misura priva di logica che colpisce la parte più debole”. Se i contenuti sono sbagliati, i metodi usati dal governo per relazionarsi con le parti sociali “non sono degni di un paese normale”.  Inoltre, la leader della CGIL, si è detta preoccupata per il taglio di risorse che il Governo ha intenzione di effettuare sulla Cassa integrazione in deroga, prevista per il 2013.

Intanto, le vertenze, in Italia, si moltiplicano e nessuna intravede una soluzione, e per questo, ha ricordato Camusso “dalla crisi non si esce riducendo il lavoro”, ma “avviando una politica industriale che possa assicurare un futuro di innovazione all'industria e ai servizi, sostenendo gli investimenti”. Inoltre, Camusso, illustrando la piattaforma sulla quale la CGIL chiamerà operai, tecnici, ricercatori, giovani, donne, precari a scendere in piazza il 20 ottobre, è tornata a ribadire l'importanza: della detassazione della tredicesima mensilità per sostenere i consumi delle famiglie; la proroga di almeno un anno dell'attuale sistema di ammortizzatori sociali; il rifinanziamento degli ammortizzatori in deroga e una maggiore attenzione in tema di ammortizzatori ai precari; una soluzione strutturale per tutti i lavoratori 'esodati' e un eguale sistema di pensionamento per lavoratori pubblici e privati in esubero. Infine, un intervento straordinario per favorire l'occupazione giovanile e femminile.

Un 'villaggio della crisi' nascerà in Piazza San Giovanni il 20 ottobre. Numerosi gazebo verranno allestiti attorno alla piazza per raccontare la crisi più profonda che l'Italia si è trovata ad affrontare dal dopoguerra ad oggi. Una lunga giornata che vedrà alternarsi, sul palco, non solo le testimonianze di un mondo del lavoro in affanno, ma anche momenti musicali e teatrali per ribadire a gran voce 'Il lavoro prima di tutto!'.




«ottobre 2019»
»lumamegivesado
>30123456
>78910111213
>14151617181920
>21222324252627
>28293031123
>45678910
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy