Lavoro: a Bruxelles negoziato su occupazione giovanile

19/12/2012

Si è tenuta, l’11 dicembre, a Bruxelles l’ultima riunione dell’anno del negoziato sul “Quadro di azioni per l’occupazione giovanile”.

Le due parti hanno presentato i testi base del negoziato che dovranno essere discussi durante le prossime riunioni al fine di arrivare a un testo congiunto.

Il negoziato si preannuncia molto complicato, soprattutto per via dell’impostazione del testo base di BusinessEurope (la Confindustria europea), che è stato giudicato sostanzialmente irricevibile sia per forma che per contenuti. Il testo infatti risulta essere una serie di enunciazioni teoriche sull'ulteriore destrutturazione del mercato del lavoro, la flessibilità in uscita come unico mezzo per licenziare i lavoratori “anziani” e includere i giovani, l'apologia dei contratti precari come strumento di ingresso nel mondo del lavoro e per la stabilizzazione, etc. Il testo, inoltre, non contiene alcun riferimento concreto alle azioni da mettere in atto a livello europeo e nazionale per combattere la disoccupazione e favorire la qualità del lavoro dei giovani.

L’ipotesi di lavoro, se ve ne saranno le condizioni, è quella di arrivare ad un accordo sul Quadro di azioni entro febbraio al fine di poterlo presentare in occasione del Summit Sociale Tripartito previsto per il 14 marzo 2013. Il testo costituirebbe il contributo concreto delle parti sociali sull’urgentissimo tema dell’occupazione giovanile.


Allegati:
 RESOCONTO11122012.pdf


«maggio 2017»
»lumamegivesado
>24252627282930
>1234567
>891011121314
>15161718192021
>22232425262728
>2930311234
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy