Lavoro: Giovani CGIL, oggi 'datevi una regolata', giornata contro stage truffa

29/05/2013 Presidi in tutta Italia promossi dai 'Giovani NON + disposti a tutto' della CGIL, non solo per ribadire la necessità che le Regioni recepiscano entro luglio le linee guida in materia di tirocini, ma anche per rivendicare “un intervento per rafforzarne il carattere formativo, garantire almeno 400 euro di indennità mensile, contrastare l'utilizzo improprio di questo istituto e introdurre maggiori sanzioni e controlli”
» Le proposte della CGIL per la regolamentazione degli stage

Centri per l'impiego, università e sedi regionali. Sono questi i luoghi 'presidiati' oggi in tutta Italia dai 'Giovani NON + disposti a tutto' della CGIL in occasione della giornata di azione promossa per lanciare la campagna 'Datevi una regolata!'. In previsione infatti della regolamentazione che investirà in questi mesi stage e tirocini, in decine di città italiane, dal Nord al Sud, attraverso manifestazioni e presidi, i giovani del sindacato di Corso d'Italia sono scesi in piazza per informare e coinvolgere i giovani e per chiedere un rapido intervento delle Regioni.

Queste ultime, infatti, sono tenute entro luglio ad adeguare le proprie normative alle linee guida in materia di tirocini, frutto dell'accordo Stato-Regioni siglato lo scorso mese di Gennaio. “Siamo preoccupati - afferma la responsabile delle Politiche giovanili della CGIL Nazionale, Ilaria Lani - poiché molte Regioni non hanno ancora attivato il confronto con le parti sociali e rischiamo un pericoloso vuoto normativo dopo che la Corte Costituzionale ha sancito la competenza delle Regioni su questa materia”. Ecco perché oggi, in diversi casi, delegazioni dei giovani della CGIL hanno incontrato assessori regionali al Lavoro, come avvenuto nel Lazio, in Sicilia e in Campania.

La campagna 'Datevi una regolata!', come spiega Lani, “ha proprio l'obiettivo di coinvolgere i giovani tirocinanti nel percorso di confronto con le Regioni affinché lo stage sia una vera opportunità di formazione e inserimento”. Infatti, secondo i dati di Unioncamere, solo 1 tirocinante su 10 riesce ad avere un'opportunità di impiego al termine del tirocinio. “Oggi troppi giovani passano da uno stage all'altro e sono abbandonati al loro destino: per questo la regolamentazione dei tirocini è necessaria anche per dare gambe al programma europeo della Garanzia Giovani (Youth Guarantee) di cui chiediamo rapidamente l'attuazione anche nel nostro Paese”. In sintesi, quindi, le proposte della CGIL sul tema stage e tirocini, oltre alla necessità che le Regioni recepiscano entro luglio le linee guida, rivendicano “un intervento per rafforzare il carattere formativo dei tirocini, garantire almeno 400 euro di indennità mensile, contrastare l'utilizzo improprio di questo istituto e introdurre maggiori sanzioni e controlli”.




«novembre 2017»
»lumamegivesado
>303112345
>6789101112
>13141516171819
>20212223242526
>27282930123
>45678910
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy