I lavoratori ed il Jobs-Act: le proposte di tre Riviste

23/10/2014

Dopo l’approvazione del Jobs-Act da parte del Senato le critiche e le polemiche non si sono placate. Anche tre importanti riviste scientifiche - Diritti, Lavori Mercati; Lavoro e diritto; Rivista giuridica del lavoro - sono intervenute offrendo un utile contributo, in vista dell’attuale discussione alla Camera dei Deputati. E così - secondo il loro autorevole parere - va condivisa l’esigenza, espressa dal governo, di semplificare la legislazione del lavoro. Tuttavia il disegno di legge delega n. 1428 (ora A.C. n. 2660) merita un serio ripensamento.

Sono stati evidenziati i rischi di incostituzionalità del d.d.l. delega, laddove propone di ‘eliminare’ e ‘semplificare’ le norme “interessate da rilevanti conflitti di interpretazione”.

Quanto al tema del contratto a tutele crescenti: non si comprende – osservano le tre riviste - quale sia la base di partenza dei diritti garantiti fin dall’inizio, né come tali diritti cresceranno nel corso del tempo, né quale sarà l’approdo finale.

E’ davvero singolare che vengano esclusi dalla gestazione della riforma i sindacati e le altre forze sociali.

I mutamenti intervenuti richiedono in via prioritaria un’attenta ridefinizione della nozione di ‘lavoratore subordinato’; nozione che nell’attuale contesto economico si deve poter espandere, onde ammettere a tutela ogni lavoro prestato personalmente.

La nuova regolamentazione sugli ammortizzatori sociali, sui servizi per il lavoro e sulle politiche attive non si innesta ancora in una prospettiva di un Welfare moderno, dinamico, valevole per tutti. Appaiono discutibili alcune disposizioni: la previsione che condiziona le tutele alla “storia contributiva dei lavoratori”; il diniego della Cig in caso di cessazione di ramo d’azienda; le disposizioni relative alla disponibilità dei dati circa la storia personale di chi lavora.

Molti sono i temi di discussione posti dalle tre riviste; le risposte non potranno che scaturire dal dialogo a tutto campo con tutti coloro che siano interessati alla migliore approvazione di una riforma che si annuncia come davvero epocale.


Allegati:
 LA SEMPLIFICAZIONE DELLA LEGISLAZIONE.pdf
Classificazione:
[Giuridica]  [Politiche del diritto] 


«dicembre 2019»
»lumamegivesado
>2526272829301
>2345678
>9101112131415
>16171819202122
>23242526272829
>303112345
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy