Fondi UE: 107 milioni di euro per innovazione ed ambiente

02/07/2015

Lo scorso 11 giugno è stato approvato il programma Interreg IVC, che proprio in questi giorni apre le porte al suo primo bando. Il programma comunitario può contare su una dotazione complessiva pari ad oltre 426 milioni di euro per il periodo 2014-2020, di cui ben 107 milioni di euro dedicati a questo primo bando.

L’obbiettivo del programma è rafforzare l’efficacia delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale, in particolare dei programmi rientranti nell’obbiettivo “Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione” e dei programmi dell’obbiettivo “Cooperazione territoriale europea”. Il programma favorirà quindi la collaborazione e lo scambio di idee e buone pratiche in particolare tra le autorità pubbliche di tutta Europa, al fine di trovare soluzioni per il miglioramento delle politiche e strategie a beneficio della cittadinanza europea.

I progetti possono essere presentati da enti pubblici ed organismi no-profit privati appartenenti ad uno dei 28 Stati Membri, oltre che a Svizzera e Norvegia. Tutte le proposte progettuali devono coinvolgere un minimo di tre stati, di cui almeno due appartenenti all’Unione Europea. Per ogni progetto, è possibile richiedere un contributo pari all’85% in caso di autorità pubbliche ed al 75% in caso di Organismi no-profit privati. I partner italiani pubblici possono inoltre coprire il 15% restante non finanziato  tramite un apposito Fondo di rotazione, garantendo quindi una copertura del 100% delle spese ammissibili.

I progetti possono avere come obbiettivo quello di migliorare l’infrastruttura in ricerca ed innovazione e le capacità di sviluppare eccellenze promuovendo centri di competenza. Ma soprattutto, vengono finanziati progetti per la promozione di strategie a bassa emissione di carbonio, in particolare per le aree urbane, inclusa la promozione della mobilità urbana multi-modale sostenibile e di pertinenti misure di adattamento e mitigazione, con contestuale miglioramento dell’attuazione delle politiche e dei programmi di sviluppo regionale. Altro obiettivo è quello di sostenere la transizione industriale verso un’economia efficiente in termini di risorse, promuovere la crescita verde, l’eco innovazione e la gestione delle prestazioni ambientali nei settori pubblico e privato.

Riguardo le tempistiche, il primo bando si concluderà il 31 luglio 2015 e sino al 3 luglio è possibile richiedere un feedback sulla propria idea progettuale al soggetto gestore. Il sistema di presentazione delle domande e maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.iolf.eu.


Classificazione:
[Ambiente e territorio]  [Europa] 


«dicembre 2019»
»lumamegivesado
>2526272829301
>2345678
>9101112131415
>16171819202122
>23242526272829
>303112345
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy