Consiglio UE: le priorità della Presidenza olandese (gennaio - giugno 2016)

12/01/2016

Queste le priorità dell'attuale Presidenza olandese del Consiglio UE: concentrarsi sull'essenziale (seguendo l'Agenda strategica del Consiglio europeo) per cercare soluzioni comuni, dando la priorità a 4 problematiche:

  •  un approccio integrato per le migrazioni e la sicurezza internazionale;
  • un'Europa capace di innovare e creare posti di lavoro
  • finanze Ue solide e sostenibili e una zona euro forte
  • una politica energetica e climatica del futuro

Ma cos'è il Consiglio Ue? Il Consiglio dell'Unione europea (noto anche come Consiglio Ue, come Consiglio dei ministri dell'Unione europea , o come Consiglio) – di fatto tanti consigli ministeriali settoriali (ad es. Consiglio degli affari esteri, ecc.) - è l'istituzione dell'Unione nel cui ambito Ministri rappresentanti i governi dei paesi membri si riuniscono, per adottare le normative e per coordinare le politiche. Non ci sono membri fissi. In occasione di ogni riunione, ciascun Paese è rappresentato dal Ministro responsabile della materia trattata in quell'occasione: ad esempio il Ministro dell'ambiente sarà presente durante la seduta in cui si discuterà di questioni ambientali. Quella riunione prenderà il nome Consiglio “Ambiente”. Tutte le riunioni del Consiglio Ue sono presiedute dal Ministro competente del Paese che in qual momento esercita la Presidenza di turno dell'Ue.

La presidenza del Consiglio è assunta a turno dagli Stati membri dell'UE ogni sei mesi. Dal gennaio 2016, la Presidenza del Consiglio è passata dai Lussemburghesi dai Paesi Bassi. La Presidenza olandese si confronta ad un momento molto difficile. L'Unione europea è minacciata dalla crisi e da instabilità sia interna che esterna.
Nel suo Programma, l’Olanda – ha precisato il ministro degli esteri dei Paesi Bassi, Bert Koenders - punta ad un'Unione innovativa, incentrata sulla crescita e l’occupazione. "Creare posti di lavoro, favorire uno sviluppo sostenibile e un'economia innovativa, sono delle priorità. Gli interessi dei cittadini dovrebbero essere in prima linea“. Una delle priorità,, è quella di creare un Unione connessa: “che si basa su valori fondamentali ed è supportata dai suoi cittadini”. Il rafforzamento della legittimità democratica sarà una questione chiave durante la presidenza olandese: "Ciò richiederà la partecipazione attiva da parte di persone e organizzazioni della società civile, in modo che sappiano che le loro opinioni sono state ascoltate. Il governo vuole incoraggiare questo tipo di coinvolgimento“.

IMMIGRAZIONE- “Migliorare l’accoglienza iniziale di rifugiati in Europa con un’equa ripartizione degli oneri”e responsabilità, in materia di arrivo di richiedenti asilo sul territorio europeo; “assicurare condizioni sicure di reinsediamento con i Paesi terzi” favorendo dunque il rapporto con Paesi d’origine; rafforzare la sicurezza delle frontiere esterne dell'Europa: queste le priorità in tema di immigrazione per il governo dei Paesi Bassi. L'Olanda riconosce che serve un approccio europeo integrato che includa l'attuazione delle decisioni recenti di ricollocazione di 160 000 richiedenti di asilo, il buon funzionamento degli “hop spots” e la promozione della cooperazione operativa tra Stati membri. Ricollocazione e lista europea dei paesi di origine saranno oggetto di dibattito.

PESC – TERRORISMO - DIFESA - Al fine di rispondere alle cause dei flussi migratori si intende procedere alla “revisione della Politica estera e di sicurezza comune dell’Ue” e alla nuova Strategia globale sulla politica estera e di sicurezza che dovrà essere presentata al vertice dei capi di Stato e di governo del 23 e 24 giugno 2016 (pochi giorni prima il termine del semestre di presidenza olandese). Sotto presidenza olandese si aspetta una posizione del Consiglio Ue sulle nuove proposte della Commissione europea per una guardia costiera e di frontiera dell’Ue. La definizione del nuovo “Quadro strategico europeo per la riforma del settore della sicurezza entro metà 2016”- la Strategia europea di sicurezza interna (2015-2010) è la priorità in tema di anti-terrorismo e non solo, visto il suo approccio integrale che include “misure amministrative per indagini penali e finanziarie”; migliori “strumenti di tracciabilità delle persone scomparse”, lotta al crimine organizzato ecc..Tra le priorità olandesi figura anche l’integrazione europea della difesa. Il governo olandese esorta “il rafforzamento della cooperazione nella Politica di difesa e sicurezza comune a livello Ue ed interparlamentare, ed auspica di dare alla cooperazione nella difesa natura vincolante”. I Paesi Bassi intendono inoltre rafforzare la cooperazione in ambito Nato per quanto riguarda “la risposta a minacce ibride, come nel conflitto in Ucraina, dove si ricorre a tattiche convenzionali (armi) e non convenzionali (informatica)”.

BREXIT - Al vertice dei capi di Stato e di governo di febbraio si dovrà fare il vero punto della situazione per quanto riguarda le condizioni poste da Londra per restare nell’Ue. Dal documento programmatico degli olandesi emerge la volontà della presidenza di lavorare per evitare una Brexit. “Il Regno Unito è il secondo partner commerciale dei Paesi Bassi in Europa, e il governo è piuttosto contrario ad un’uscita del Regno Unito dall’Ue”, scrivono gli olandesi, decisi a lavorare sulla scia del loro motto “Europa dove necessario, nazione dove possibile”.

SVILUPPO SOSTENIBILE - AIUTI E COMMERCIO - Far avanzare quanto più possibile il Ttip, l’accordo di libero scambio e gli investimenti tra Stati Uniti ed Unione europea, è certamente un punto in agenda. Accanto a questa priorità gli olandesi intendono “accelerare” i negoziati con il Giappone per cercare di raggiungere entro giugno un accordo di libero scambio. L'Olanda auspica anche un maggiore sinergia tra aiuti (cooperazione alla sviluppo) e commercio; e – giustamente – sottolinea che la crisi migratoria necessita di un approccio “che integra campi di azione e strumenti dell'UE”.

AFFARI ECONOMICI E FINANZIARI - E FISCO  La presidenza olandese conta sviluppare l'attuale modo di utilizzo delle Raccomandazioni per la zona euro. E cita – tra l'altro – il dibattito sul rafforzamento della rappresentanza esterna dell'Unione e monetaria presso il FMI; la raccomandazione della Commissione di creare dei Consigli nazionali della competitività e la prossima creazione di un Gruppo di esperti; proposte per perfezionare l'Unione bancaria; il Piano di azione per l'Unione dei mercati di capitali, a beneficio dell'economia reale; proposte per riforme strutturali del settore bancario. La presidenza olandese intende dare via prioritaria alle azioni contro evasione ed elusione fiscale. Nel 2016 sarà pubblicato un Piano di azione per un sistema IVA efficace. E il progetto di tassa sulla transazioni finanziarie – nel quadro di una Cooperazione rafforzata - sarà riesaminato se si giungerà a formulare una proposta di direttiva.

ENERGIA - AMBIENTE - I Paesi Bassi metteranno in evidenza la stretta interdipendenza tra clima, energia, ambiente e sostenibilità. Per la presidenza olandese la cooperazione energetica regionale “la via principale” verso l’integrazione dei mercati e la sicurezza delle forniture, e lavorerà in tal senso. La Presidenza veglierà all'attuazione dell'accordo della COP21 di Parigi, che sarà esaminato dal Consiglio europeo a marzo insieme all'attuazione del Pacchetto energia-clima 2013.
Nel secondo trimestre del 2016 ci saranno anche nuove proposte per la riduzione delle emissioni climalteranti nei settori finora esclusi. La presidenza olandese si impegnerà per un contributo Ue alla lotta mondiale contro il cambiamento climatico: “una riduzione del 40% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 in rapporto al 1990”. Durante la presidenza olandese, il Consiglio Ambiente esaminerà anche il nuovo Pacchetto economia circolare. E' prevista una modernizzazione della legislazione ambientale europea (nuovi tetti per le emissioni nazionali di elementi inquinanti, bilancio di qualità delle direttive uccelli e Habitat, preparazione dell'Assemblea dell'OACI (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'aviazione civile) del 2016 che si occupererà di un sistema di tetti di emissioni a livello mondiale. Il 14-14 aprile 2016, ci sarà il Consiglio informale congiunto Ambiente e Trasporti a favore di una mobilità verde e intelligente.

COESIONE - Saranno valutati i Programmi operativi per il periodo 2014-2020.E si insisterà sull'elaborazione di specializzazione intelligente della regione interessata “elemento o importante di una politica di coesione moderna centrata su risultati concreti e misurabili”.

COMPETITIVITA' - RICERCA
– La presidenza olandese seguirà con interesse la trasposizione in proposte della Strategia per il mercato unico digitale. Favorire l'innovazione sarà uno dei principali temi del “volet“ Ricerca del Consiglio Competitività. “Questo corrisponde alla doppia ambizione enunciata dalla Commissione europea: miglioramento del clima degli investimenti ed dell'innovazione in Europa e semplificazione dell'accesso al finanziamento europeo della ricerca tramite Horizon 2020”. Per l'Olanda, la ricerca finanziata da mezzi pubblici dovrebbe essere accessibile a tutti.

OCCUPAZIONE POLITICA SOCIALE SALUTE E COMSUMATORI
– Il governo olandese considera prioritaria una concorrenza equa. E dà grande importanza al Pacchetto sulla mobilità dei lavoratori - che sarà presentato nel 2016 - che dovrebbe comprendere (stando a quanto annunciato dalla Commissione europea) anche una Comunicazione sulla mobilità professionale, una proposta di riforma della direttiva sui lavoratori distaccati e una riforma delle regole di coordinamento della sicurezza sociale, per lottare contro le frodi e per migliorare l'applicazione delle regole. La Presidenza olandese si impegnerà anche per la Direttiva per proteggere i lavoratori da fattori che inducono il cancro; nella lotta contro la povertà, per la parità di genere l'autonomia economica e la parità di trattamento. E' prevista anche la presentazione della Strategia europea per competenze nuove. Nel campo della salute, la Presidenza olandese opererà per migliorare l'accesso dei pazienti a dispositivi medici, prodotti e trattamenti nuovi e promettenti; e per migliorare la qualità dei cibi..

ISTRUZIONE GIOVENTU' CULTURA E SPORT - In merito, tra le preoccupazioni maggiori figurano: la modernizzazione dell'insegnamento superiore e dell'insegnamento professionale; un'Agenda per nuove competenze per l'Europa, per investimenti in formazione capaci di formare ciascuno a un mercato del lavoro in cambiamento, e per reciproco riconoscimento delle qualifiche; impegno per il patrimonio digitale (v. Europeana che consente l'accesso a collezioni di istituzioni culturali e scientifiche europei); la revisione della direttiva sui media audiovisivi; contributo per l'educazione all'accoglienza e integrazione dei migranti, e sul ruolo dell'insegnamento e dell'animazione socio-educativa nella lotta contro la radicalizzazione dei giovani: organizzazione di eventi sportivi internazionali.

DIRITTI UMANI – CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI – AGENDA EUROPEA PER LA CITTA'
- La priorità numero uno degli olandesi è l’attuazione del piano d’azione per i diritti umani la democrazia (2015-2019). La presidenza di turno intende far avanzare la legislazione di contrasto al lavoro minorile. Nel corso della Presidenza sarà organizzato anche un Seminario sull'applicazione della Carta dei diritti fondamenti nei processi strategici e legislativi degli Stati membri. Il prossimo Patto di Amsterdam sull'Agenda europea per la città dovrà contribuire a migliorare il potenziale di crescita delle città in termini di posti di lavoro,

RIFORME ISTITUZIONALI
- I Paesi Bassi intendono avviare in sede di consiglio Affari generali il dibattito sulla migliore governance, mentre con la commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo continuerà i negoziati sull’iniziativa legislativa per un regolamento sul diritto di inchiesta del Parlamento. Sarà tra le priorità olandesi il dossier relativo alle modifiche della legge elettorale e l’attuazione dell’accordo inter-istituzionale sulla migliore legislazione (better regulation).


Classificazione:
[Politiche europee]  [Politiche globali]  [Europa] 


«ottobre 2016»
»lumamegivesado
>262728293012
>3456789
>10111213141516
>17181920212223
>24252627282930
>31123456
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy