Istruzione Tecnica Superiore (ITS): siglato in Conferenza Unificata l’Accordo che modifica il sistema di monitoraggio e valutazione e i criteri di riparto del finanziamento nazionale

12/01/2016

La Conferenza Unificata ha sottoscritto lo scorso 17 dicembre l'Accordo che, in applicazione della L. 107/15 comma 45, a partire dal 2016 apporta modifiche a quanto definito nell'Accordo in Conferenza Unificata del 5/8/14 sul  sistema di monitoraggio e valutazione degli ITS e i criteri per il riparto delle risorse nazionali destinate al finanziamento dei percorsi.

L'allegato tecnico all'Accordo prevede modifiche al sistema  nelle sue diverse articolazioni (peso degli indicatori, valori di soglia, articolazioni e modalità di calcolo del risultato, funzioni che trasformano il risultato) per il mantenimento dell’autorizzazione al riconoscimento del titolo e l’accesso al finanziamento del Fondo, aumentando il peso dell’occupabilità nel sistema di attribuzione dei punteggi.

La ripartizione delle risorse stanziate per il 2016 terrà conto dei percorsi conclusi da almeno un anno alla data del 31/12/2015.

Le risorse saranno ripartite come di seguito:

a. 70% a livello regionale sulla base del numero degli studenti ammessi al secondo anno/terzo anno e del numero degli studenti ammessi all’esame, riferiti all’anno precedente a quello di assegnazione delle risorse, al netto del numero di diplomati all’interno dei percorsi valutati con un punteggio inferiore a 50 secondo il sistema di monitoraggio e valutazione;

b. 30%, a titolo di premialità, alle Fondazioni ITS in relazione ai corsi conclusi da almeno 12 mesi nell’anno precedente secondo il tasso di occupabilità ed il numero di diplomati.

Per i percorsi, che sulla base del punteggio di sintesi elaborato dall'INDIRE (sulla base dei dati immessi dagli ITS al 15/1/2016 nella Banca Nazionale ITS) otterranno un risultato pari o superiore a 50 e inferiore a 60, le  Regioni provvederanno ad azioni specifiche integrando anche gli atti di programmazione. Per i percorsi con risultato inferiore a 50 il MIUR provvederà ad escludere dal calcolo della ripartizione del Fondo nazionale il numero dei diplomati di quel percorso.

Dal 2016 perderanno l'autorizzazione al rilascio del titolo di Tecnico Superiore le Fondazioni ITS che per tre anni consecutivi otterranno un punteggio inferiore a 50 nel 50% dei percorsi conclusi e valutati nel triennio. 

Per l'avvio dei percorsi e l'assegnazione delle risorse l'Accordo stabilisce una precisa tempistica delle attività di monitoraggio.


Allegati:
 Accordo_Conf.Unif_sistema_monitoraggio_valutazione_ITS_17.12.15.pdf
Classificazione:
[Formazione e ricerca]  [Istruzione e formazione tecnica superiore]  [Istruzione tecnica e professionale] 


«luglio 2016»
»lumamegivesado
>27282930123
>45678910
>11121314151617
>18192021222324
>25262728293031
>1234567
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy