Fisco: le proposte della Cgil contro evasione ed elusione

27/01/2016 In Italia ogni anno evasi dai 91 ai 180 mld, 47 solo di Iva. Contro evasione più tracciabilità, rapidità nelle informazioni e volontà politica

“Una vera e grande lotta all'evasione fiscale per l'equità, l'efficienza e lo sviluppo del Paese”. Così il segretario confederale della Cgil, Danilo Barbi presenta le venticinque proposte contro l'evasione e l'elusione fiscale, studiate dal Laboratorio delle politiche fiscali della Cgil.

Recuperare le risorse evase - spiega Barbi - renderebbe più giusta la nostra società e contribuirebbe a rilanciare l'economia, che ancora purtroppo stenta a ripartire, favorendo così la capacità di fare investimenti pubblici e privati. I miliardi di euro evasi - prosegue - non ingrossano né i consumi, né  gli investimenti, ma vengono accumulati prevalentemente in ricchezze private”. É necessaria, sottolinea Barbi, “una riduzione strutturale della ricchezza evasa, più che il recupero di una imposta ormai non pagata”. Per questo la Cgil propone una serie di azioni volte alla “trasparenza della formazione del reddito” e alla “repressione” delle irregolarità, attraverso: la tracciabilità, la rapidità e la semplicità delle informazioni sui movimenti di beni, servizi e denaro, e lo sviluppo tecnologico. Tutto ciò non può prescindere da una forte volontà politica.

Le proposte della Cgil, come si legge nel documento allegato, mirano a recuperare una parte del totale dell'evasione italiana che varia dai 91 ai 180 miliardi annui, di cui 47 solo di Iva: un record mondiale poco invidiabile, che si può spiegare con l'alto numero di contribuenti che autocertificano il proprio reddito. Il gap Iva italiano è pari al 33,6%, tra i grandi Paesi europei segue la Spagna (16%), la Germania (11%), l'Inghilterra (10%) e la Francia (9%). Secondo quanto riferisce la Cgil, confrontando i redditi dichiarati con quelli rilevati da Banca d'Italia, emerge che i maggiori evasori sono i rentiers, coloro che vivono di rendita (83%) e gli autonomi (56%). I tasso di evasione per dipendenti e pensionati è invece prossimo allo zero.

Tra le proposte avanzate dal sindacato di Corso d'Italia: l'introduzione dell'obbligo di trasmissione delle fatture all'Agenzia delle Entrate attraverso una app certificata; estendere il reverse charge; l'abbassamento della soglia di contante a 500 euro; la trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri per i commercianti.

Per reprimere evasione ed elusione la Cgil propone: una verifica immediata se, nei cinque anni seguenti ad un accertamento fiscale, il reddito denunciato risulti inferiore a quello accertato, e nel caso di evasione rilevata l'obbligo di assistenza da parte dell'Agenzia delle entrate nelle successive dichiarazioni; il ripristino del raddoppio dei termini; l'innalzamento delle sanzioni in caso di acquiescenza; l'estensione degli accordi internazionali, la lotta ai paradisi fiscali, l'accelerazione del processo di unione fiscale Ue.

Se l'obiettivo è l'annullamento della patologica evasione Italiana le modalità ci sono, anche supportate dalle nuove tecnologie, ora serve la volontà politica”. Conclude Barbi.



- In allegato il documento con le proposte della Cgil contro l'evasione e l'elusione fiscale.



Allegati:
 Proposta_evasione_2015_laboratorio.pdf
Classificazione:
[Politiche economiche]  [Finanza pubblica e politiche fiscali] 


«settembre 2016»
»lumamegivesado
>2930311234
>567891011
>12131415161718
>19202122232425
>262728293012
>3456789
News

© CGIL 2015 | Credits | Privacy